La mindfulness

In cosa consistono la mindfulness e la meditazione

Oggigiorno si parla molto di mindfulness, ma cerchiamo di fare ordine con una definizione chiara. Per mindfulness s’intende la capacità della “presenza mentale”, che si raggiunge grazie ad esercizi di meditazione che aiutano la persona ad essere più consapevole di sé stessa. La meditazione è utilizzare la piena presenza mentale (mindfulness in inglese) per essere felici e godere della propria vita.

La nostra specialista

Dal 2013 la dott.ssa Vlacos ha condotto ricerche sugli effetti positivi della meditazione di Mindfulness per il disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività in campo clinico ospedaliero, grazie alle quali ha potuto creare un protocollo clinico di trattamento per i genitori dei pazienti diagnosticati, con lo scopo di diminuire i livelli di stress, ansia e depressione.

Negli anni le è stato possibile creare un protocollo ad hoc dedicato alla gestione delle emozioni più forti come la rabbia e l’evitamento delle problematiche quando la persona non riesce ad affrontarle e a gestirle, ed attraverso l’integrazione della Psicoterapia della Gestalt e il Mindfulness Based Stress Reduction di Kabat Zinn, è nato il Mindfulness Based Gestalt Therapy® (MBGT).

Ma come si conciliano la mindfulness e la meditazione con il trattamento dell’ADHD?

Una terapia ben pianificata per il Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività deve gettare delle basi che partano anzitutto con il trattamento degli aspetti impulsivi che sono legati all’ADHD. Le sedute psicoeducative si rivelano pienamente efficaci solo se prima è stato portato avanti un lavoro volto a comprendere emozioni e dinamiche relazionali che determinano dei momenti d’impulsività: tanto nei pazienti quanto nei genitori.

Il lavoro con la meditazione aiuta la comprensione profonda delle proprie emozioni e dei propri aspetti impulsivi. Generalmente infatti, nei soggetti affetti ADHD, si manifestano episodi d’impulsività piuttosto irruenti, agendo quelli che vengono chiamati “comportamenti automatici”: la persona tende a reagire anche molto male in modo più o meno frequente. In seguito però, dopo aver agito l’atteggiamento impulsivo, la persona sperimenta un senso di colpa per l’incapacità di trattenersi.

Gli esercizi di meditazione sono volti ad aiutare il paziente, accompagnandolo a:

  • Accettare i propri limiti;
  • Avere un atteggiamento più compassionevole e meno giudicante verso sé stesse il mondo;
  • Lasciare andare molte rigidità mentali che lo affliggono e da cui non riesce a liberarsi.

Presso il Centro Italiano ADHD, la dr.ssa Elena Vlacos, impiega protocolli di mindfulness riconosciuti a livello mondiale (come il Mindfulness Based Relapse Prevention di Bowen, Chawla e Marlatt 2010) anche sui comportamenti patologici dovuti alle dipendenze (sia da sostanza che comportamentali, es: dipendenza da cibo, gioco d’azzardo, dipendenza affettiva, dipendenza sessuale).

Meditazione e mindfulness per facilitare la comprensione tra genitori e figli, allentando lo stress.

Come detto sopra, lo stress del genitore del bambino/adolescente con ADHD è molto alto poiché di solito si riscontrano:

  • Senso di insoddisfazione per via dei metodi educativi e delle strategie che si rivelano inefficaci nei riguardi del figlio;
  • Profonda sfiducia a causa dei ripetuti fallimenti,
  • Difficoltà nell’affrontare il disturbo dell’attenzione del figlio conciliandolo con situazioni problematiche comuni quali: il lavoro, la coppia, la salute, ecc.

Tali fattori di stress hanno poi ulteriori conseguenze: insonnia, impulsività, irritabilità, disturbi gastrointestinali, cefalee, e altri problemi con origine psicosomatica, che è possibile ridurre tramite una pratica meditativa che diventa un allenamento per la propria mente.

Il trattamento di Psicoterapia della Gestalt orientato alla Minduflness (Mindfulness Based Gestalt Therapy) studiato dalla dr.ssa Elena Vlacos è in grado di ripristinare attraverso un ciclo di terapia un buon livello di serenità, una maggiore percezione di efficacia e di soddisfazione personale. L’intero ciclo terapico prevede 8 sedute, una alla settimana, nell’arco di due mesi: generalmente il percorso è spesso organizzato in contesto di gruppo, ma è possibile richiedere incontri individuali, qualora lo si valutasse necessario.

Meditazione: è possibile farla se si è iperattivi e disattenti?

Assolutamente sì, perché grazie alla guida di un esperto è possibile educare la propria mente a non seguire continuamente i propri pensieri o i movimenti ripetitivi, trovando una maggiore tranquillità mentale.

Gli esercizi di meditazione proposti avranno una durata minore tenendo conto dell’età e della problematica del paziente, aumentando nel tempo la difficoltà, senza entrare in uno stato di frustrazione tipo delle situazioni che uno pensa di non riuscire a sostenere. Anzi, i piccoli obiettivi raggiunti daranno quella soddisfazione necessaria a motivarsi e ad allenarsi anche a casa con gli esercizi.

Meditazione e mindfulness: Insegnamenti per il raggiungimento dell’equilibrio.

La dr.ssa Elena Vlacos pratica meditazione e altre pratiche di consapevolezza dalla giovane età, ed ha approfondito le sue conoscenze sul tema con studi specifici di testi scientifici e di autori importanti che insegnano meditazione da migliaia di anni (dai testi buddisti, a quelli induisti, dalla Bibbia agli autori dei nostri giorni).

Le sedute quindi saranno focalizzate sia sull’insegnamento degli esercizi di meditazione, sia sul commento di libri e testi che si usa proporre per approfondire la pratica.

Contattaci

Per richiedere qualsiasi tipo d'informazione in merito al Centro ADHD, vi invitiamo a compilare il modulo sotto o chiamarci telefonicamente.

GDPR

7 + 3 =

Sede Milano

Via Giuseppe Ripamonti 177, 20141 Milano

Sede Pavia

Via Predamasco 8, 27020 Travacò Siccomario (PV)

Sedi Roma

Via Milazzo 42, 00185 Roma

Sede Genova

Si riceve su appuntamento

Telefono (whatsapp)